Barbara Uderzo

Barbara Uderzo

Blob Incredible-wine Ring
Gioielli in Fermento 2016

Alla collezione Blob si aggiunge il secondo anello realizzato pensando al vino: un’isola volante da indossare al cui centro è immerso un personaggio imprigionato in una botte. Attorno vortici di perline di granato che trattengono un lillipuziano bicchiere.
La collezione, che ha avuto origine nel 1992, pone l’attenzione a forme, colori e all’utilizzo sperimentale di materiali e tecniche nella lavorazione delle plastiche ma il fulcro è la creazione di storie dal sapore pop-surreale.

A second ring, inspired by wine, joins the Blob collection. This ring is a sort of “flying island” to wear, with a character trapped in a barrel in its centre and vortices of garnet beads around it, holding a Lilliputian glass.
The collection, originated in 1992, emphasizes shapes, colours and the use of experimental techniques and materials in the manufacturing of plastics and is focused on the creation of stories with a pop flavour.

Barbara Uderzo | Italy
anello, ring 2016
argento (brunito), plastiche differenti, perle di granato, personaggio in metallo e bicchiere, objets trouvés  (ph. Studio Maraboli)
silver (burnished), various plastics, garnet beads, metal character and wine glass (found objects)

1000px_barbara-uderzo_blob-wine-ring_gioielli-in-fermento-2015_-ph-studio-maraboli

Blob-Ring Wine
Gioielli in Fermento 2015

Barbara Uderzo | Italy
anello, ring 2015
argento rodiato, plastiche differenti, vetro, porcellana, perle d’acqua dolce, cristallo  (ph. Studio Maraboli)
silver (rhodium electroplating), glass, porcelain, freshwater pearl, cork, crystal

La collezione Blob si arricchisce, in occasione del concorso Gioielli in Fermento, di un nuovo anello realizzato pensando al vino, in cui è inserita una lillipuziana bottiglia di champagne che all’occorrenza, semplicemente facendo una lieve pressione, si può sfilare dal gioiello e posare accanto ad un altrettanto minuscolo bicchiere. La collezione ha avuto origine nel 1992 ed ha subito un percorso di sempre maggior complessità e strutturazione; oltre all’attenzione a forme e colori e all’utilizzo sperimentale di materiali e tecniche nella lavorazione delle plastiche, il fulcro è la creazione di storie dal sapore pop.

Barbara Uderzo vive tra Creazzo (Vicenza) e Milano, dove ha inaugurato nel 2010 lo studio the blob house.
Dopo studi all’Accademia di Belle Arti a Venezia, dal 1990 realizza gioielli contemporanei, pezzi unici frutto di ricerca e sperimentazione che sono stati pubblicati in riviste e libri ed esposti in numerose gallerie d’arte e musei internazionali quali La Triennale di Milano, il museo delle Arti decorative di Berlino, il Victoria & Albert Museum di Londra, il museo degli Argenti di Firenze, il museo Mart di Rovereto.
Collabora inoltre con importanti aziende orafe, progettando e realizzando i prototipi di nuove collezioni di preziosi. Dal 1999 affianca all’attività artistica e progettuale quella didattica e formativa presso scuole di design.
Suoi materiali di ispirazione non sono solo i metalli ma anche legno, plastica, carta, cera e sostanze commestibili come cioccolato, ghiaccio e neve. Utilizza tecniche artigianali e tecnologie industriali.

A new ring joins the Blob collection, taking part in the competition Gioielli in Fermento. This ring, which has been made thinking of wine, features a lilliputian bottle of champagne which, when necessary, can be pulled out of the jewel by simply making a slight pressure, and laid next to an equally tiny glass. The collection originated in 1992 and has undergone a process of increasing complexity and structuring; besides the attention to shapes and colours and the use of experimental techniques and materials in the manufacturing of plastics, the focus is on the creation of stories with a pop flavour.

Barbara Uderzo lives and works between Creazzo (Vicenza) and Milan, where in 2010 opens her personal studio “The Blob House”.
She studied at the Accademia di Belle Arti in Venice and she has been creating jewels since 1990. She makes experimental jewels as one-off pieces that have been pubblished in books and magazines and exhibited in art galleries and international museums, such as La Triennale di Milano, the Museum of Decorative Arts in Berlin, the Victoria & Albert Museum in London, the Museo degli Argenti in Firenze, the Mart in Rovereto.
She works with important jewellery companies, creating prototypes for new collections. In addition to artistic and design work, she teaches at design schools.
With a sharp eye on contemporary development, she has experimented with both precious and alternative materials such as plastic, wood, paper and ephemeral substance like chocolate, sugar, ice and snow, using various types of both artisanal and industrial techniques.

 

 

 

for further enquiries about the pieces and purchasing please write to gioiellinfermento@gmail.com

torna a tutti i profili d’autore back to all artists profiles
© all rights reserved

 

Gioielli in Fermento 2015 – Premio Torre Fornello V edizione
Le assegnazioni | The Awards